Menu

Follie di inizio estate

Eccoci con un nuovo editoriale di Meteo Centro Italia che andrà ad analizzare la situazione di questa metà di giugno e la probabile evoluzione futura.


Dopo il break temporalesco della scorsa settimana, che in alcuni casi è stato artefice di temporali molto forti, allagamenti e grandinate degne di nota, il tutto accompagnato da una quantità di fulmini numericamente corposa, stiamo vivendo in queste ore una risalita di aria africana molto calda e umida che da domenica sta garantendo stabilità e caldo su gran parte del nostro territorio.
Insomma, tutto lascerebbe pensare ad un vero avvio della stagione estiva, del mare e delle piscine all’aperto ma per ora non sarà così, infatti già a partire dalla serata odierna e soprattutto da domani, la nostra penisola sarà coinvolta da una nuova perturbazione piena di aria instabile, temporali anche di forte intensità, venti sostenuti e temperature in picchiata.
Ma cosa sta causando tutta questa instabilità atmosferica e l’assenza di un’alta pressione decisa sul Mediterraneo? La corrente a getto, che per ora si dimostra particolarmente forzuta e piena di sprint, grazie anche ai rinforzi che arrivano direttamente da un atlantico particolarmente freddo (in alcuni casi anche troppo, forse) e un ITCZ (indice del monsone africano) nella norma o in alcuni punti più basso del previsto.
Tutto questo se da una parte evita di farci diventare un forno vivente, dall’altra da la possibilità alle perturbazioni atlantiche di entrare “senza se e senza ma” nel Mediterraneo e provocare maltempo decisamente poco “estivo” lungo tutto lo stivale.


Ma andiamo nel dettaglio previsionale: Mentre il nord si trova già impegnato con la perturbazione, a partire dalla serata/nottata di oggi anche sul centro Italia ci saranno le prime precipitazioni sotto forma di rovesci o brevi temporali.
Nella giornata di domani e giovedì invece il tempo sarà molto instabile ovunque, con temporali intensi, fresco, venti in rinforzo e temperature in netta diminuzione. Attenzione durante i temporali alle possibili grandinate.
A partire dalla serata di giovedì invece avremo un discreto miglioramento che ritroveremo anche venerdì e sabato, quando il tempo rimarrà solo leggermente instabile e le temperature si porteranno su valori nella norma del periodo. Da domenica invece probabile nuovo peggioramento che potrebbe impegnare il Mediterraneo e l’Italia fino al 21/22 del mese, ma di questo ne riparleremo nei prossimi articoli.

 

12-06-2018

 

Luca Dentini

i nostri partner