Menu

Il clima sta cambiando? si o no !?

Il clima sta cambiando? i quantitativi di Co2 presenti nell'aria stanno progressivamente aumentando di anno in anno? è tutto vero e a breve vi mostreremo anche un paio di grafici davvero eloquenti al riguardo; tuttavia volevo porre l'attenzione sulla stretta correlazione che mass media e televisioni rintracciano quotidianamente fra i quantitativi di anidrite carbonica presenti nell'aria e il cambiamento climatico, dando per scontato che questi vadano di pari passo, ma potrebbe anche non essere cosi, o meglio almeno non del tutto. 

Come mostra il grafico sopra riportato, l'anidrite carbonica presente nell'aria negli ultimi anni è incrementata notevolmente (il grafico parte dagli anni 60 per arrivare fino ad oggi) andando indubbiamente a peggiorare la qualità di vita degli esseri umani, ma anche del regno animale e vegetale. 

Tuttavia è possibile imputare il grande cambiamento climatico interamente all'aumento di agenti inquinanti presenti in atmosfera? ovviamente la risposta è estremamente soggettiva al riguardo, in quanto ci sono centinaia di studiosi che tutt'ora dibattono sull'argomento; tuttavia a mio parere l'aumento di agenti inquinanti non è in grado di giustificare totalmente l'aumento della temperature globale media registrato negli ultimi 40-50 anni. Indubbiamente l'aumento di Co2 ha influito sul clima globale, ma forse non lo ha determinato totalmente.

E' noto infatti storicamente che si sono susseguiti numerosi periodi caldi per il nostro pianeta, tra cui possiamo indubbiamente citare il famoso PCM (periodo caldo medievale ricollegabile al 950-1250 d.c) nel quale molte regioni o zone del pianeta Terra hanno visto registrarsi un deciso aumento delle temperature. Tuttavia andando a riscontrare i dati ricostruiti del PCM con i dati attuali, si nota come in realtà il famoso periodo caldo Medievale sia stato decisamente più freddo rispetto a quello attuale e che quindi questo non possa essere preso a testimonianza di un fisiologico aumento di temperatura, o almeno non in toto.

Allo stesso modo va sottolineata l'importanza del fenomeno avvenuto fra il il XIV e il XIX secolo, quando (secondo numerosi studi) sembra che la temperatura del pianeta sia diminuita sensibilmente, tanto da far denominare quest'arco temporale come "piccola era glaciale" (little ace ige). 

La domanda che ora sorge abbastanza spontanea è la seguente:" che la Terra attui una sorta di meccanismo di autoregolazione del clima per bilanciare e controbilanciare a periodi estremamente caldi altri altrettanto freddi?" la risposta è senz'altro positiva. 

Abbiamo visto come il PCM non sia in realtà paragonabile all'attuale periodo caldo che il nostro pianeta sta vivendo, ma tuttavia ciò non basta per affermare che l'attuale aumento termico sia totalmente slegato da meccanismi naturali autoregolati. 

Non sarà forse che in aggiunta a fenomeni climatici ciclici e prettamente naturali noi abbiamo fatto la nostra parte inquinando l'ambiente e rendendo ancora più visibile l'aumento termico in una fase climatica calda? 

Eventualità non presa in considerazione e che tuttavia andrebbe a giustificare anche un progressivo rallentamento del riscaldamento globale registratosi dal 2015 ad oggi, con la temperatura globale media del 2017 molto simile a quella dei primi anni 90 (il secondo grafico rispecchia l'andamento termico dalla fine degli anni 70 ad oggi).

In sintesi risulta impossibile negare un progressivo aumento dell'inquinamento su scala globale, come risulta di pari passo difficile negare che il nostro pianeta stia vivendo un periodo climaticamente parlando decisamente mite, ma nonostante ciò affermare con certezza che il tutto sia legato esclusivamente al primo fattore è ancora tutto da dimostrare.

La storia climatica del nostro pianeta ci insegna come la natura sappia benissimo cavarsela da sola e non è da escludere che come reazione all'eccessivo incremento termico degli ultimi anni, nei prossimi assisteremo invece ad un progressivo raffreddamento in alcune aree o regioni, proprio perché la natura proverà per forza di cose a riportare progressivamente verso la neutralità la situazione climatica Mondiale.

Questo non significa che sia lecito inquinare costantemente il nostro pianeta, anzi sia in prima persona, che come associazione "Meteo Centro Italia" ci schieriamo a favore di qualsiasi misura debba essere presa per rallentare l'aumento di agenti inquinanti rilasciati nell'aria, perché ogni persona umana merita di vivere in un ambiente sano e adatto al suo sviluppo fisico e psichico.

La stessa costituzione afferma all'art. 3 che << è compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli che impediscano il pieno sviluppo della persona umana >> e per aversi un pieno sviluppo che questo non debba essere sano? sanità e ambiente non sono forse le due facce della stessa medaglia? 

 

Gianni Ferri Bontempi

 

11-03-2018 

 

i nostri partner